Comprare un immobile in Italia step by step

Comprare un immobile in Italia step by step

Hai trovato la tua casa ideale vicino a uno dei laghi più amati? Hai deciso di comprare una casa (o seconda casa) in uno dei paesi più belli del mondo? Se si, dovrai purtroppo anche fare i conti con uno dei maggiori inconvenienti di questo bellissimo paese: la burocrazia. Per garantirti di diventare il proprietario della casa dei tuoi sogni, ti aiuteremo ad intraprendere questo percorso passo dopo passo.

  1. Codice Fiscale

Se stai considerando di comprare un immobile in Italia, il primo step da intraprendere è avere un codice fiscale. Questo dice è necessario per diversi aspetti: aprire un conto bancario, aprire utenze di gas, internet, telefono, noleggiare o comprare una casa.

Questo codice è usato in tutta la corrispondenza e documentazione ufficiale ed è rilasciato dall’Agenzia delle Entrate. Lo puoi richiedere sul sito amblaja.esteri.it in anticipo; è gratuito, veloce e facile.

  1. Aprire un conto bancario in Italia

Se vuoi comprare un immobile, è utile aprire un conto bancario in Italia per facilitare la transazione. I conti bancari sono disponibili sia per i residenti che i non-residenti. Se non sei un residente puoi comunque aprire un conto per non-residenti, chiamato conto estero o conto internazionale.

  1. Fare una proposta irrevocabile d’acquisto

Quando hai trovato la casa dei tuoi sogni e desideri acquistarla, dovrai fare una proposta irrevocabile d’acquisto. Si tratta di una transazione unilaterale legalmente valida nella misura in cui l’offerta ti vincola come acquirente – e nel caso in cui il venditore la accetti – ti obblighi a comprare l’immobile. È importante che l’offerta contenga già tutte le informazioni essenziali per il contratto di vendita futuro, così come il temine ultimo per l’accettazione dell’offerta da parte del venditore. Generalmente la durata dell’offerta è valida per 14 giorni. Una volta che hai inoltrato l’offerta d’acquisto, devi pagare un anticipo all’agente immobiliare in qualità di deposito garanzia. Nelle 2 settimane prima della scadenza, avrai il tempo di poter visionare interamente il tuo futuro immobile. Tu o il tuo legale potrete fare dei controlli al catasto oppure reperire tutte le informazioni sull’immobile di interesse presso la Conservatoria o, appunto, il Catasto.

E’ importante fare queste opportune ricerche per essere sicuri che l’immobile sia regolarmente registrato, se il venditore è realmente il proprietario legittimo della casa e ci sono mutui o debiti pendenti sulla stessa.

  1. Il contratto preliminare o compromesso

Il contratto preliminare è l’accordo che vincola le parti a stipulare il contratto definitivo di compravendita da firmare e autenticare presso sede notarile. Con il contratto preliminare, la proprietà non è ancora trasferita sull’acquirente, ma essa sorge in un secondo momento. Il contratto preliminare deve contenere tutti gli elementi essenziali del contratto finale ed e già legalmente valido. Generalmente il contratto definitivo viene firmato e formalizzato dal notaio entro uno o tre mesi dalla stipula del preliminare.

Una volta che il contratto è stato firmato e il deposito cauzionale, pari al circa 10% del prezzo d’acquisto, è stato versato, il venditore può decidere di ritirarsi restituendo il deposito cauzionale all’acquirente più una somma pari al pagamento. (Supponiamo che hai pagato 10,000€ come deposito, ricevi questo ammontare più 10,000€ dal venditore come compensazione). Se, invece, l’acquirente decide di ritirare la sua offerta perde completamente il deposito versato a garanzia.

  1. L’atto notarile

Il contratto formalizzato presso uno studio notarile è l’ultimo passaggio che legalizza la compravendita di un immobile. La proprietà dell’immobile viene trasferita all’acquirente appena l’atto viene concluso. L’acquirente dovrebbe essere sufficientemente competente per comprendere la lingua italiana durante la lettura dell’atto per poterlo poi firmare. Se il livello di italiano non è quello richiesto, sarà necessario tradurre il suddetto contratto in anticipo in modo da renderlo comprensibile per l’acquirente ma il traduttore ufficiale dovrà altresì essere presente durante la formalizzazione dell’atto.

Per ulteriori informazioni, iscriviti alla nostra newsletter e richiesti il nostro e-book gratuito con tutte le informazioni riguardanti l’acquisto di un immobile in Italia.

ISCRIVITI A PIACERE! LA NOSTRA NEWSLETTER
Iscriviti ora e tieniti aggiornato sui nuovi immobili in vendita. Ti forniremo le informazioni più recenti, legali e finanziarie, per la tua compravendita e goderti la Dolce Vita nella zona dei laghi.
* Non condivideremo le tue informazioni di contatto